Progetto

XXXIII FESTIVAL DI MEZZA ESTATE

PROSENTAZIONE TAGLIACOZZO FESTIVAL

2018 – 2020

 

FESTIVAL INTERNAZIONALE DI MEZZA ESTATE

CITTA’ DI TAGLIACOZZO

 

VINCENZO GIOVAGNORIO

SINDACO DEL COMUNE DI TAGLIACOZZO

 

CHIARA NANNI

ASSESSORE ALLA CULTURA

 

JACOPO SIPARI DI PESCASSEROLI

DIRETTORE ARTISTICO

ALESSANDRO ZERELLA

SEGRETARIO ARTISTICO

 

SILVANO MARIA FUSCO

DIRETTORE DI PRODUZIONE

 

FRANCESCO D’OVIDIO

RESPONSABILE RAPPORTI INTERNAZIONALI

 

GIANLUCA RUBEO

CONSULENTE DI INDIRIZZO

 

Il Festival Internazionale di Mezza Estate, giunto ormai alla XXXIV edizione, si propone di concorrere in modo deciso e solido allo sviluppo del sistema dello spettacolo dal vivo, favorendo la qualità dell’offerta, anche a carattere multidisciplinare con grande attenzione all’innovazione, ponendosi come un Festival di Musica Sinfonica, Lirica e della Danza Classica e Contemporanea seguendo la struttura artistica e organizzativa dei grandi Festival Europei affermandosi sempre più a livello internazionale. Il triennio 2018 – 2020 vuole aprire il Festival alla definitiva consacrazione Europea.

 

Il Festival, con l’attenta supervisione del Sindaco Vincenzo Giovagnorio e della dott.ssa Chiara Nanni, Assessore alla Cultura del Comune di Tagliacozzo è diretto dal Maestro Avv. Jacopo Sipari di Pescasseroli. Accanto al Maestro, la direzione artistica può contare sulla collaborazione dei Maestri Alessandro Zerella, Silvano Fusco, Gennaro Cappabianca, Francesco d’Ovidio.

Primario obiettivo del Festival è quello di sviluppare numerose collaborazioni con alcuni tra i più importanti Teatri e Fondazioni Musicali Europee, con i quali il Festival ha già realizzato alcuni importanti protocolli di forte cooperazione. Grande attenzione verrà data a processi di internazionalizzazione attraverso iniziative di coproduzione artistica, collaborazione e scambio, favorendo la mobilità e la circolazione delle opere, lo sviluppo di reti di offerta artistico culturale di qualificato livello internazionale fornendo sempre un prodotto artistico di assoluto livello, attraverso l’inserimento di artisti di grande prestigio internazionale.

Il Festival di Tagliacozzo da quest’anno, unitamente alla Fondazione Festival Pucciniano e all’Ente Luglio Musicale Trapanese è membro ufficiale del Balkan Opera Network Meeting, una piattaforma relazionale costituita dai rappresentanti di alcuni tra i più importanti Teatri e Fondazioni Lirico – Sinfoniche del Centro Europa e Balcani nato con l’idea di implementare e rafforzare relazioni e collaborazioni artistiche tra Teatri.

Il Triennio 2018 – 2020 vuole aprirsi fortemente all’innovazione nelle modalità creative e realizzative del progetto con azioni di assunzione del rischio culturale attraverso l’utilizzo di linguaggi innovativi e sperimentali o anche attraverso la programmazione di nuove composizioni o prime. Numerosi i punti che il Festival intende sviluppare nel triennio in corso, con particolare attenzione a quanto di seguito indicato, che costituisce la base su cui intende costruirsi il progetto artistico 2018 – 2020:

  1. l’invito di orchestre stabili Europee o extra Europee (di cui almeno una giovanile) per tutta la durata del Festivalche consentano costanti e forti collaborazioni con Teatri stranieri;

Per la stagione n. 34 del Festival, 2018:

  1. per il primo periodo (27.7 – 5.8.2018) la “DOKUZ EYLUL” University Symphony Orchestra (DESO)(Turchia)(55 elementi) per i concerti sinfonici.
  2. per il secondo periodo (6.8 – 25.8.2018) l’Orchestra Sinfonica del Teatro Nazionale dell’Opera di Georgia –Tbilisi (Georgia)(75 elementi) per Opere Liriche e Balletti Classici.
  3. la messa in scena di 2 Opere liriche di cui almeno una in nuovo allestimento;

Per la stagione n. 34 – 2018: MADAMA BUTTERFLY e SUOR ANGELICA di G. Puccini, nel 100 anniversario dalla prima rappresentazione del Trittico – nuovo allestimento.

  1. la messa in scena di un balletto classicoe uno moderno, preferibilmente IN PRIMA ESECUZIONE ASSOLUTA IN ITALIA O MONDIALE.

Per la stagione n. 34 – 2018:

  1. il Balletto del Teatro Nazionale di Belgrado di Goran Bregovic con “Regina Margot” IN PRIMA ESECUZIONE ASSOLUTA IN ITALIA;
  2. Il Balletto classico “Don Chisciotte” di Minkus
  3. la proposizione di almeno 18 concerti di musica sinfonica, cameristica e jazz tutti legati tra loro da cicli “tematici”.
  4. l’estrema valorizzazione del talento artistico con l’invito di straordinari artisti provenienti dai migliori Teatri del mondo:

Per la stagione n. 34 – 2018 sono stati invitati:

Gino PAOLI e Danilo REA, Sandro Ivo BARTOLI, Michele CAMPANELLA, Goran BREGOVIC, Stefano BOLLANI, Alessandro PREZIOSI, Edoardo LEO, Pino QUARTULLO, Lino GUANCIALE, Enrico LO VERSO.

 

DIRETTORI D’ORCHESTRA

Alberto VERONESI, Presidente della Fondazione Festival Pucciniano, Dejan SAVIC, Sovrintendente del Teatro Nazionale di Belgrado, Haris ILIADIS, Direttore Musicale dell’Orchestra Sinfonica di Stato di Tessalonica, Bojan SUDJIC, Direttore Musicale Orchestra della Radio e Tv di Serbia, Jacopo SIPARI DI PESCASSEROLI, Direttore Artistico del Festival di Tagliacozzo, Francesco D’OVIDIO, Capo Dipartimento Conservatorio di Musica “N. Sala” Benevento, Dian TCHOBANOV, Direttore Musicale Opera di Stato di Plovdiv – Bulgaria, Francesco DI MAURO, Direttore Artistico Orchestra Sinfonica Siciliana, Ricardo CASERO, Direttore Principale Orchestra “Reina de Aragon” di Spagna, Iulian RUSU, Direttore Orchestra Filarmonica di Brasov

 

SOLISTI

Carlo Maria PARAZZOLI, Primo Violino di Spalla dell’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, Antonio BOSSONE, Prima Viola dell’Orchestra del Reale Teatro di San Carlo di Napoli, Francesco PARAZZOLI, Primo Violoncello dell’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, Francesco BOSSONE, Primo Fagotto Solista dell’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, Enzo OLIVA, Professore di Pianoforte al Conservatorio Statale di Musica di Campobasso, Sezai KOCABIYIK, Primo Oboe Solista Orchestra Sinfonica di Istanbul, Bulent EVCIL, Primo Flauto Solista dell’Orchestra Sinfonica di Istanbul, Fabrizio FALASCA, Assistant Concertmaster della Filarmonica di Londra, Christian SEBASTIANUTTO, Accademia Nazionale di Santa Cecilia – Alta Formazione, Pasquale FAUCITANO, Primo Violino di Spalla Teatro Vittorio Emanuele, Messina, Masha DIATCHENKO, Accademia Nazionale di Santa Cecilia – Alta Formazione, Gennaro CARDAROPOLI, Accademia Nazionale di Santa Cecilia – Alta Formazione, Raffaella CARDAROPOLI, Accademia Nazionale di Santa Cecilia – Alta Formazione,, Silvana FROLI, soprano, Fondazione Festival Pucciniano, Abigaila VOSHTINA, Teatro Nazionale di Tirana, Florin ESTEFAN, baritono, General Manager Teatro Nazionale Rumeno di Cluj – Napoca, Francesco GRANATA, Alto Perfezionamento Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Irene MOLINARI, Hector, MENDOZA, Federica VITALI, Vincenzo DE LUCIA, Silvano FUSCO, Alessandro ZERELLA, Giuseppe BRANCA, Guido CELLINI, Maria Gabriella CIANCI, Chiara TAIGI, Anna Maria DI MICCO.

 

REGISTI

  1. per MADAMA BUTTERFLY di G. Puccini, il Maestro Ognian DRAGANOFF, Sovrintendente del Teatro dell’Opera di Stato di Stara Zagora – Bulgaria (Bulgaria);
  2. per SUOR ANGELICA di G. Puccini, nel 100 anniversario dalla prima rappresentazione del Trittico – nuovo allestimento, il Maestro Giandomenico VACCARI, Direttore Artistico del Teatro dell’Opera di Lecce.
  3. sviluppo della multidiscipliarietà nella stagione del Festival;

la valorizzazione del territorio con la riscoperta e rivalutazione di luoghi della città poco utilizzati che vengano valorizzati attraverso il Festival. La particolarità del Festival di Tagliacozzo risiede nella pluralità dei “luoghi” che accolgono la stagione. La bellezza storica della città unita alla straordinaria presenza di rare bellezze naturalistiche consentono a questa direzione artistica di costruire un piano di location suggestivo che determinino per tutto il triennio una valorizzazione dei luoghi di impatto turistico del Comune, con l’obiettivo di proporre al pubblico un “viaggio artistico” ogni volta diverso accompagnato da concerti di assoluto valore musicale. La scelta del luogo di riferimento avverrà sulla base della tipologia di spettacolo che l’amministrazione intende proporre: tra le numerose “sinergie” tra musica e architettura, il 2018 propone il nuovo allestimento dell’Opera “Suor Angelica” 

  1. di Giacomo Puccini,in occasione del 100 anniversario dalla prima rappresentazione, nel meraviglioso Chiostro di San Francesco, l’allestimento in Prima Assoluta per l’Italia del Balletto “Regina Margot” di e con Goran BREGOVIC nello straordinario e suggestivo Parco della Rimembranza, il concerto dedicato a Vivaldi per i 340 anni dalla nascita nel cuore di Marsia, la faggeta più grande d’Europa e l’ormai consueto “concerto all’Alba” nel piazzale antistante la Chiesa della Madonna dell’Oriente. Di fondamentale importanza il supporto delle strutture turistiche locali, con accordi di partenariato con operatori pubblici e privati del turismo finalizzati ad offrire pacchetti completi che offrano ai turisti la possibilità di vivere pienamente il territorio accompagnati dalla stagione musicale del Festival. Un Festival “itinerante” che garantisca la riscoperta “turistica” di tutti i luoghi della municipalità, con l’evidente intento di dedicarsi alla riscoperta e la valorizzazione dell’offerta anche in zone altrimenti destinate a scomparire dai consueti itinerari turistici;
  2. il rafforzamento dei legami con il pubblico attraverso conferenze e incontri con i grandi solistie gli artisti invitati che permettano a tutti di vivere il Festival attivamente;
  3. Lo sviluppo di sistemi informatici e dei social networkal fine di allargare e facilitare la conoscenza del Festival non solo in Italia;
  4. cooproduzioni e collaborazioni con Teatri Europei ed extraeuropei al fine di intensificare le relazioni con il Festival per portare Tagliacozzo ad un livello internazionale di prestigio. Il Festival di Tagliacozzo per il triennio 2018 – 2020 ha concluso una serie di convenzioni di collaborazioni musicali e artistiche di valore internazionale con una serie di Teatri di Stato, Enti Lirici e Fondazioni atte a determinare un crescente slancio nella valorizzazione del prodotto artistico delle stagioni future:

 

  1. Teatro Nazionale di Belgrado (Serbia)
  2. Teatro dell’Opera Nazionale Rumena di Cluj – Napoca (Romania)
  3. Teatro Nazionale dell’Opera di Georgia –Tbilisi (Georgia)
  4. Teatro Nazionale dell’Opera di Stara Zagora (Bulgaria)
  5. “Dokuz Eylul” University State Conservatory di Smirne – Turchia (Turchia)
  6. Orchestra Sinfonica di Stato di Thessalonica (Grecia)
  7. Orchestra della Radio e Televisione di Belgrado (Serbia)
  8. Orchestra Sinfonica di Stato di Istanbul (Turchia)
  9. Ente Luglio Musicale Trapanese
  10. Fondazione Festival Pucciniano
  11. Accademia Nazionale di Santa Cecilia
  12. Teatro Nazionale dell’Opera e del Balletto di Albania
  13. Teatro dell’Opera Nazionale di Plovdiv – Bulgaria
  14. Conservatorio di Stato “N. Sala” di Benevento

 

  1. accordo di collaborazione con NAZIONALE DI SANTA CECILIA – ALTA FORMAZIONE,che selezionerà per il Festival alcuni tra i migliori diplomati dei corsi di strumento e musica da camera per collaborazioni con le orchestre invitate o per recital solistici nel corso della stagione concertistica del Festival;
  2. convenzione con il CONSERVATORIO STATALE “NICOLA SALA” DI BENEVENTO al quale si farà ricorso per l’aspetto vocale con l’invito nella stagione rivolto ai migliori diplomati dei corsi di Canto Lirico a cui verranno garantiti alcuni ruoli di comprimariato per le Opere e i Concerti Lirici in programma a Tagliacozzo;
  3. entrambi gli accordi precedenti testimoniano il grande investimento che il Festival intende fare verso i giovani con progetti continui di valorizzazione del proprio talento artistico;
  4. l’istituzione di masterclass con docenti internazionali di strumento destinate ai giovani del territorio al fine di determinare un possibile inserimento per i migliori nelle stagioni del Festival;
  5. la creazione di un concorso di composizione sperimentale in collaborazione con il Conservatorio “Nicola Sala” di Benevento e l’Università di Smirne in Turchiaper la realizzazione di nuove composizioni sinfoniche alle migliori delle quali verrà garantita esecuzione nel triennio 2018 – 2020 del Festival. Questo garantirà la valorizzazione della creatività emergente, del talento musicale di giovani musicisti italiani e internazionali con esecuzione delle opere, opportunamente selezionate da una Commissione scelta dallo stesso Conservatorio;
  6. la candidatura del Festival per il bando annualmente previsto dal Ministero degli Affari Esteri Italiano dal titolo ‘Scambi Giovanili’.Il progetto curato dal Maestro Francesco d’Ovidio proposto alla Farnesina ha l’obiettivo di favorire l’integrazione socio culturale e politica di giovani di diversa provenienza geografica per favorire da un lato lo sviluppo nelle giovani generazioni del senso di tolleranza e rispetto delle diversità dall’altro per promuovere un reciproco scambio di conoscenze e metodologie didattiche, elementi oggi fondamentali nel percorso di crescita ed arricchimento professionale delle giovani generazioni, punto di partenza per il loro inserimento professionale. Nello specifico il progetto prevede la partecipazione di giovani studenti e docenti della Dokuz Eylül University State Conservatory di Izmir, Turchia che saranno ospitati dal Festival di Tagliacozzo e parteciperanno attivamente agli eventi concertistici previsti (sinfonici e lirici) ed alle previste Master Classes di docenti di fama internazionale, condividendo questa esperienza con giovani studenti e docenti di diverse Istituzioni italiane di Alta Formazione Artistica e Musicale (AFAM).
  7. la candidatura del Festival di Tagliacozzo a sede 2019 della Balkan Opera Network Meeting, una piattaforma relazionale costituita dai rappresentanti di alcuni tra i più importanti Teatri e Fondazioni Lirico – Sinfoniche del Centro Europa e Balcani nato con l’idea di implementare e rafforzare relazioni e collaborazioni artistiche tra Teatri e Artisti nell’ottica della continuità e della cooperazione internazionale per la valorizzazione generale della musica. Per la prima volta in Abruzzo e a Tagliacozzo un incontro di grande rilievo tra i Teatri dell’Europa Balcanica che determinerà una grandissima valorizzazione del territorio e darà immensa spinta al nome del Festival nell’ottica internazionale, obiettivo che questa gestione artistica si è proposta fin dall’inizio del suo mandato.

 

Maestro Avv. Jacopo Sipari di Pescasseroli
Direttore Artistico del Festival Internazionale di Mezza Estate